RSS

Tartufo di Pizzo

Risultati immagini per Tartufo di Pizzo



Il Tartufo di Pizzo è un prodotto tipico della pasticceria calabrese nato a Pizzo. Si tratta di un gelato alla nocciola che viene modellato, rigorosamente nel palmo della mano, a forma di semisfera con un cuore di cioccolato fondente fuso e ricoperto da un spolverata di cacao amaro in polvere e zucchero. È stato inventato negli anni '50 dello scorso secolo quasi certamente ispirandosi all'omonimo cioccolatino della tradizione torinese commercializzato dalla Talmone, prodotto con gli stessi ingredienti e all'epoca popolarissimo.
A questo dolce tipico sono ispirati vari tartufi industriali che non hanno niente a che fare con quello artigianale. La produzione è tradizionalmente artigianale ed è il primo gelato in Europa ad aver ottenuto il marchio IGP.

Storia e origini

Nel 1940, il maestro pasticcere messinese Dante Veronelli rileva dal napitino Jannarelli nel centro di Pizzo il Gran Bar Excelsior, che in seguito cambierà il nome in Gelateria Dante proprio in onore al suo primo proprietario, per proseguire l'attività imprenditoriale si avvale della collaborazione di un giovane pasticcere di belle speranze anche lui di Messina, Giuseppe De Maria, al secolo "Don Pippo". I due grazie alla genialità produttiva del secondo e a quella imprenditoriale del primo riescono in poco tempo ad attirare l'attenzione per la grande qualità e il gusto dei loro prodotti. Il genio dei due artigiani si esprime all'interno del laboratorio di produzione, al termine della seconda guerra mondiale. A seguito della morte del Veronelli, il De Maria rimane l'unico proprietario dell'esercizio. Il tartufo, nella sua forma attuale è nato a Pizzo dentro il laboratorio della Gelateria Dante (nel 1952 circa) per puro caso, artefice di questa innovazione proprio "Don Pippo" il quale in occasione di un matrimonio patrizio, avendo esaurito gli stampi e le forme per confezionare il gelato sfuso per rifornire i numerosi invitati del matrimonio, sovrappose nell'incavo della mano una porzione di gelato alla nocciola ad uno strato di gelato al cioccolato, inserì quindi all'interno del cioccolato fuso ed avvolse il tutto in un foglio di carta alimentare da zucchero dandole la forma tipica del tartufo, il tutto fu messo a raffreddare. Il successo conseguito gli valse l'immediata notorietà. La ricetta originale viene ancora custodita gelosamente dai nipoti del maestro "De Maria". Nel 1950, Giorgio Di Iorgi e Gaetano Di Iorgi, i quali avevano iniziato la loro carriera lavorativa dentro la gelateria con il ruolo di camerieri, cominciano ad apprendere l'arte della produzione del gelato; quindici anni dopo, in seguito al pensionamento del maestro De Maria, Giorgio Di Iorgi ne rileva l'attività della Gelateria Dante, mentre Gaetano Di Iorgi, prosegue la produzione del Tartufo di Pizzo, nell'attività di fronte ("Bar Ercole") che acquisì insieme a suo fratello Antonio, nel 1965.
Da questo momento in poi le attività, Bar Dante e Bar Ercole; vengono gestite a conduzione familiare, tramandandosi da padre in figlio la ricetta segreta per la realizzazione dei prodotti di gelateria.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Daifuku

Risultati immagini per Daifuku



Daifukumochi (大福餅), o Daifuku (大福) in breve, significa letteralmente “grande fortuna” ed è un dolce giapponese composto da un piccolo mochi (dolce di riso glutinoso), farcito di ripieno dolce, di solito "anko", pasta di fagioli rossi dolcificata a base di fagioli rossi azuki.

Preparazione

Il Daifuku esiste in varie forme. La più comune è il mochi (pasta di riso dolce) bianco, verde pallido o rosa pallido, farcito di anko (pasta dolce di fagioli rossi). Si trovano comunemente in due formati, uno del diametro di circa 3 cm, l'altro grande quanto il palmo di una mano. Alcune versioni contengono pezzi di frutta interi, misture di frutta e anko o pasta di melone. Quasi tutti i Daifuku sono coperti da un sottile strato di amido di mais o taro per impedire che si attacchino fra loro o alle dita. Alcuni sono ricoperti di zucchero a velo.

Storia

I Daifuku erano chiamati originariamente Harabuto mochi (腹太餅), ossia dolce di riso dalla pancia gonfia, per il caratteristico ripieno. Più tardi il nome fu cambiato in Daifuku mochi (大腹餅), ossia dolce di riso dalla grande pancia. Essendo poi la pronuncia di “pancia” e “fortuna” la stessa in giapponese Fuku (), il nome fu cambiato successivamente in Daifuku mochi (大福餅) con il significato di “dolce di riso della grande fortuna”, assimilandolo quindi a un portafortuna.
Verso la fine del diciottesimo secolo il Daifuku diventò popolare e si iniziò a mangiarlo tostato. Veniva usato anche come regalo in occasione di una cerimonia



Varietà

  • Sakura mochi (桜餅) è una varietà di mochi colorato di rosa e avvolto con una foglie salata di ciliegio giapponese (sakura).
  • Tsubaki mochi (椿餅) è simile al sakura mochi, ma viene utilizzata una foglia di camelia (tsubaki) anziché di ciliegio.
  • Yomogi daifuku (蓬大福) è una varietà conosciuta anche col nome di Kusa mochi (草餅); è un mochi all'aroma di artemisia (yomogi) il quale gli conferisce il caratteristico colore verde (infatti kusa significa erba).
  • Ichigo daifuku (イチゴ大福) è una varietà inventata negli anni '80, che contiene fragola (Ichigo) e ripieno dolce, di solito anko, in un piccolo mochi rotondo. A volte per il ripieno si usano anche creme dolci. Dato che è a base di fragola, questo mochi solitamente viene mangiato in primavera. Molte pasticcerie affermano di aver inventato questa variante, quindi la sua origine è piuttosto vaga.
  • Yukimi Daifuku (雪見だいふく) è una marca di gelato di mochi prodotta dall'azienda Lotte.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Organizzare una Vendita di Dolci per Beneficenza

Risultati immagini per Organizzare una Vendita di Dolci per Beneficenza


Organizzare una vendita di dolci per beneficenza è un modo eccellente per raccogliere fondi per un'organizzazione o qualcosa di nuovo nella tua comunità che necessita di denaro. Questo evento è facile da pianificare, economico e divertente.



Trova una causa. La maggior parte delle vendite avviene per raccogliere fondi per un'associazione di beneficenza o una causa. Assicurati di sapere dove andranno a finire i proventi. Potrebbe aiutarti disporre di qualche volantino o di altre presentazioni sui mezzi di comunicazione disponibili per spiegare il tuo fine. Questa è pure una grande opportunità per promuovere la tua causa.
    • Metti in bella vista un barattolo per le donazioni. Se stai raccogliendo soldi per una causa, dai alle persone la possibilità di donare. Alcuni non mangeranno niente, ma vorranno comunque supportare la tua organizzazione.

Lasciati aiutare dai tuoi amici e familiari.
    • Fai in modo che siano chiare la causa e la data della vendita. Programma come si svolgerà l'evento e chi si occuperà di cosa.
    • I bambini sono spesso adorabili ed è difficile dir loro di no. Assicurati solo che vengano supervisionati da un adulto.
    • Domanda dell'aiuto extra per sistemare tutto e pulire.

Cerca di organizzare l'evento in un posto grande. Fai in modo che la vendita si tenga in un punto pubblico di passaggio, in una scuola o in un'università.
    • A volte i negozi di vendita al dettaglio accoglieranno favorevolmente l'installazione del tuo stand vicino al loro ingresso quando si tengono dei festival, delle fiere, dei mercati, dei concerti pubblici all'aperto e altri grandi eventi pubblici. Sono tutte eccellenti scelte.
    • Le recite e i concerti scolastici e le serate per i genitori sono eccellenti opportunità di vendita.
    • Assicurati che sia legale farlo nel posto che scegli e richiedi il permesso alle autorità competenti se è il caso.
    • Accertati di avere un posto riparato dalla pioggia per organizzare la vendita al chiuso o sotto un tendone qualora il tempo dovesse essere brutto.

Prepara il tuo stand per la raccolta fondi. Potresti essere fortunato e avere già un tavolo e delle sedie e persino un cartellone pronto. Se così non fosse, dovrai pianificare tutto in anticipo. Avrai anche bisogno di:
    • Tavolini pieghevoli.
    • Ombrelloni per tavoli o gazebo per proteggere dalla pioggia o dal sole.
    • Tovaglie.
    • Decorazioni e cartelloni per attirare l'attenzione.
    • Un frigorifero portatile o una borsa termica e il ghiaccio per tenere fresche le bevande. Puoi pure creare un contenitore termico con una scatola di cartone.
    • Cestini e buste per la spazzatura per ripulire.
    • Sedie pieghevoli.
    • Pentole a cottura lenta per conservare la cioccolata calda.
    • Scatole e contenitori per raccogliere i fondi o un registratore di cassa. Assicurati di avere banconote e monete per dare il resto!

Pubblicizza l'evento. Attacca dei cartelloni e dei poster colorati che richiamino l'attenzione nelle aree ben frequentate. Decidi la data e il posto e spiega la causa alla base dell'evento.
    • Venderai in una scuola? Se possibile, fai in modo che la vendita venga annunciata dagli altoparlanti o con un altro strumento e che tutti vengano informati.
    • Promuovi la tua organizzazione vestendoti nel modo giusto. Se stai raccogliendo fondi per i boyscout, per esempio, indossa l'uniforme.
    • I partecipanti potrebbero vestirsi in maniera coordinata. Chiedi a tutti di indossare degli indumenti con i colori della scuola o dell'organizzazione.
    • Le vendite di dolci per beneficenza rappresentano una buona opportunità per infornare una varietà di delizie. Questo evento necessita ovviamente di questi prodotti per avere successo.
    • Puoi prepararli da te: in genere è questo il metodo più economico. Assegna il lavoro a vari membri se puoi.
    • Un'altra opzione è comprarli in una pasticceria o in un forno locale. Ciò è particolarmente efficace per le persone che non sanno come occuparsene, come gli studenti più giovani. È anche più semplice per coloro che non sanno cucinare o non hanno tempo.
    • Assicurati che i tuoi prodotti abbiano un prezzo ragionevole, altrimenti potrebbe essere dura venderli.
    • Accertati che i prodotti preparati abbiano delle etichette con gli ingredienti. Una piccola, ma significativa, parte della popolazione ha delle allergie o delle intolleranze. Sapere che la torta alle carote contiene delle noci può salvare una vita.

Vendi anche delle bibite. Molte persone avranno sete dopo aver mangiato le delizie disponibili, ed è una buona chance per te o per il tuo gruppo di guadagnare dei soldi in più.
    • Il caffè, il tè caldo o freddo, la limonata, l'acqua e le bevande gassate sono tutte ottime possibilità. Tuttavia, usa il buon senso: il caffè bollente probabilmente non sarà un successone in una torrida giornata estiva.
Prepara i prodotti che hai preparato per spostarli da casa tua allo stand. Come li prenderanno e mangeranno i visitatori? Portati dietro una buona scorta di piattini, tovaglioli e fazzoletti di carta e forchette e bicchieri di plastica se servirai delle bevande e della carta stagnola, della pellicola trasparente e delle buste. È meglio non esagerare con le scorte, che taglieranno i profitti e creeranno sprechi.
    • Se molte persone dell'organizzazione si occupano della cucina, chiedi loro di preparare delle quantità unitarie e dei prodotti da portare via, come due o tre biscotti, una cupcake o una fetta di torta inseriti in una bustina.

Prepara tutto nel dettaglio per l'evento. Acquista o prepara i cibi, metti su lo stand o i tavoli e comincia a vendere. Se hai pianificato tutto abbastanza bene, l'evento stesso sarà il passaggio più semplice di tutti.

Lascia l'area pulita. Sii cortese e lascia lo spazio pulito, se non di più, di quanto lo fosse al tuo arrivo.

Non determinare dei prezzi troppo alti. Ricorda, è una vendita di beneficenza e non devi essere troppo venale: i soldi serviranno per una buona causa.
    • Un buon indicatore di prezzo è circa 50 centesimi o un euro per una cupcake assolutamente perfetta. Magari 25 centesimi per una non proprio perfetta. Non vendere cupcake bruciate o veramente rovinate.



Consigli

  • Assicurati di offrire dei prodotti privi di glutine e non preparati con la farina di grano, come i muffin o le cupcake. Cerca di evitare il burro di arachidi per una vendita di beneficenza.
  • Se lo spazio è limitato ma i dolci sono tanti, prova un'organizzazione dei tavoli a forma di U. I clienti possono avvicinarsi da tutti i lati e la vendita sarà più facile da gestire. Inoltre, tende a catturare di più la vista.
  • Vendi dei beni che tutti possano permettersi.
  • Prepara dei dolci veramente squisiti, così alla gente piaceranno e otterrai tutti i fondi necessari per la tua associazione.
  • Se non si presentano molte persone all'evento, riduci i prezzi dei tuoi prodotti (esempio: compra un cookie e il secondo sarà scontato del 50%) o prepara dei coupon (esempio: acquista un brownie e ottienine uno in regalo) da distribuire alla gente nell'area.
  • Scegli un tema! Potrebbe essere quello francese, dunque dovrai preparare crêpe, baguette e croissant.
  • Prepara dei contenitori per raccogliere i fondi o un registratore di cassa e tieni a disposizione una quantità ragionevole di soldi per dare il resto. Annotane il totale per sapere quanto guadagni. Tienili al sicuro nel corso di tutto l'evento.
  • Se hai l'opportunità di organizzare varie vendite, magari in occasione di eventi pianificati con una certa cadenza, come le partite, annota quello che guadagni volta per volta in modo da pianificare le quantità giuste da vendere.
  • Non tutto deve essere dolce. Puoi anche preparare delle pizzette, dei pretzel e dei muffin salati freschi da vendere.
  • Stanzia una persona per raccogliere i fondi e una per dare il cibo ai clienti, giacché alla gente non piace aspettare perché è lo stesso individuo a occuparsi di entrambi i compiti.
  • Se hai accesso ai fornelli durante la vendita di beneficenza, opta per i cibi che non richiedono troppo tempo per essere preparati. In questo modo, puoi vendere quello che ti ordinano e preverrai le scarsità e gli avanzi.
  • Tieni i soldi lontani dalla vista, specialmente per i bimbi più piccoli. Questo eviterà che la gente rubi il tuo denaro duramente guadagnato o le mance.



Avvertenze

  • Attento alla sicurezza dei cibi. Sebbene la maggior parte dei prodotti possa stare tranquillamente a temperatura ambiente, alcuni alimenti possono essere pericolosi se non si conservano nel frigorifero.









  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Chinsuko

Risultati immagini per Chinsuko


Il chinsuko (ちんすこう Chinsukō) è un dolce tradizionale, spesso venduto come souvenir (miyagegashi) nelle isole Okinawa, in Giappone.
Si tratta di un piccolo biscotto fatto in gran parte di strutto e farina, con un sapore delicato e dolce molto simile allo shortbread scozzese.
Il chinsuko venne introdotto a Okinawa più di 400 anni fa dalla Cina.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Farina di soia

Risultati immagini per Farina di soia



La farina di soia, chiamata in Giappone kinako (黄粉 o きなこ), è un tipo di farina che si estrae dal seme della soia.
La differenza sostanziale tra la farina di soia e quella di grano è che la prima non contiene glutine. Inoltre se cotta la farina di soia tende a scurirsi più facilmente rispetto a quella di grano. Questa farina può essere utilizzata in tutti i settori in cui si utilizza la normale farina di grano, dalla cucina all'allevamento.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Chimaki

Risultati immagini per Chimaki


Il Chimaki ( o ちまき) è la versione giapponese del zongzi cinese. È un fagottino composto da riso glutinoso cotto al vapore, schiacciato con l'aggiunta di zucchero, avvolto in foglie di bambù e infine messo a cuocere al vapore di nuovo.
Il consumo dei chimaki è una vecchia tradizione nazionale, in passato era un cibo tipico del Capodanno. Si consuma in occasione della giornata del bambino (こどもの日 Kodomo no hi), festa nazionale giapponese che si tiene il 5 maggio.

Origine del nome

Chimaki deve il suo nome alla foglia di imperata cylindrica (チガヤ chigaya) che nel passato era l'unica foglia con cui veniva avvolto. Avvolgere in giapponese si dice maki, il termine chimaki è quindi l'unione di chigaya e maki, avvolto nella chigaya.

Storia

Il chimaki fu portato in Giappone dalla Cina durante il periodo Nara (710~794) o durante il periodo Heian (794~1185). Era in origine cucinato con riso glutinoso e avvolto in foglie di chigaya. L'usanza di avvolgerlo in foglia di bambù fu iniziata dal maestro di dolci di riso Kawabata Doki, al quale l'imperatore chiese di fare un dolce con il kudzu che gli avevano regalato gli abitanti di Yoshino. Data l'estrema mollezza del kudzu cucinato, non fu possibile avvolgerlo con la troppo fine foglia di chigaya e fu usata quindi la più consistente foglia di bambù. In seguito, il chimaki è diventato uno dei caratteristici dolci di Kyoto (京菓子 kyōgashi).

Descrizione e differenze con lo zongzi

Il chimaki viene confezionato a forma di cono con sezione circolare ed avvolto in foglie di bambù, imperata cylindrica o zizania, che conferiscono distinti sapori. Viene fatto sia con il riso glutinoso (もち米 mochigome) che con il riso non-glutinoso (うるちまい uruchimai). Dopo la cottura a vapore, il riso del chimaki si presenta come una pasta unica in cui non si distinguono i chicchi. Non viene messo alcun ripieno e si può mangiare con farina di soia o sciroppo di zucchero e salsa di soia ecc. Lo zongzi ha invece forma triangolare, viene rivestito solo con foglie di bambù e i suoi chicchi di riso, esclusivamente quello glutinoso, rimangono visibili dopo la cottura; può essere inoltre riempito con ingredienti salati come carne, castagna, salsiccia e funghi.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Anzac

Risultati immagini per Anzac (biscotti)


Gli Anzac sono dei biscotti diffusi in Australia e Nuova Zelanda, realizzati utilizzando fiocchi d'avena, farina, cocco essiccato, zucchero, burro, sciroppo dorato, bicarbonato di sodio e acqua bollente.
I biscotti anzac sono così chiamati perché venivano mandati dalle mogli ai soldati delle forze armata australiane e neozelandesi (ANZAC) dato che gli ingredienti utilizzati permettevano ai biscotti di mantenersi anche nei lunghi periodi di tempo del trasporto via nave.
In seguito la produzione dei biscotti anzac è stata adottata anche a livello industriale per la vendita al dettaglio.
I biscotti forniti ai soldati da parte dell'esercito, a cui si faceva riferimento con i nomi "tavolette Anzac" o "wafer Anzac", differivano da quelli tradizionali. Le tavolette e i wafer anzac erano infatti delle gallette, sostitutivi del pane, che avevano una lunga durata e una consistenza molto dura.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS